Eventi

Off/side - teatro del presente
Davenerdì 29 ottobre 2010 ore 21:30
Amercoledì 27 aprile 2011
Luogoteatro studio
Indirizzomole vanvitelliana ancona

Dal 29 ottobre presso il Teatro Studio della Mole Vanvitelliana.

A partire dal 29 ottobre 2010 alle ore 21.30 presso il Teatro Studio alla Mole Vanvitelliana si aprirà la seconda edizione della rassegna OFF/side – teatro del presente, progetto curato dalla Compagnia Vicolo Corto di Ancona in collaborazione con il Teatro Stabile delle Marche – Fondazione Le Città del Teatro e AMAT – Associazione Marchigiana Attività Teatrali, con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura del Comune e della Provincia di Ancona. Dieci appuntamenti da ottobre ad aprile dove protagonista sarà la contemporaneità.

 

Off/Side – Teatro del Presente è una rassegna di teatro che nasce da una domanda: che cos’è il teatro off? Le risposte possono essere innumerevoli: è il teatro dei circuiti alternativi, è il teatro emergente, è il teatro che non si fa a teatro? Questo termine difficilmente rientra in una definizione precisa e viene recepito in maniera diversa dal pubblico. Ognuno ha la propria idea sul “teatro off”. L’anno passato ci eravamo lasciati con queste parole.

Con questa seconda edizione emerge ancora con più forza la volontà di creare una stagione di teatro contemporaneo ampia e articolata, che porti con se l’entusiasmo e l’esperienza maturata in questi cinque anni dalla compagnia Vicolo Corto nella gestione dell’Hangar CultLab.

L’idea di creare uno spazio aperto alle giovani generazioni del teatro, ma non solo, agli artisti che si mettono in discussione per portare un rinnovamento, che pongono delle domande, che mettono a disposizione la loro arte per creare spunti di riflessione, è da sempre il principale impegno e punto di forza. Il coinvolgimento degli enti istituzionali contribuisce a potenziare e consolidare questa esperienza: attraverso un sano rapporto di collaborazione, di dialogo e di confronto di idee, si può rafforzare il concetto di “CultLab”, ossia il laboratorio culturale di creazione, sviluppo e promozione del teatro contemporaneo  che ha sempre contraddistinto la mission dell’Hangar.

 

Con OFF/side 2010 abbiamo mantenuto la promessa fatta lo scorso anno – affermano il sindaco Fiorello Gramillano e l’assessore alla Cultura Andrea Nobili – quando ci eravamo impegnati a promuovere e a sostenere una stagione di teatro contemporaneo di alta qualità. Ancona, del resto, continua in questo modo a confermare la sua vocazione alla contemporaneità e la sua propensione ad essere luogo della sperimentazione artistica, soprattutto grazie al contributo di chi, come la Compagnia Vicolo Corto, ha maturato negli anni una esperienza, una competenza e un entusiasmo che si stanno rivelando preziosi per la crescita culturale di questa città”.

Il teatro Studio alla Mole diventa, in questo modo, lo spazio concreto, aperto alle giovani generazioni del teatro e al rinnovamento culturale, il luogo fisico in cui è, e sarà, possibile creare un vero e proprio laboratorio per lo sviluppo delle idee e la promozione del teatro contemporaneo.

 

La serata inaugurale di venerdì 29 ottobre (replica sabato 30 ottobre) avrà come protagonista la compagnia de i NIM – Neuroni in Movimento con lo spettacolo “Orphans” tratto dal testo di Dennis Kelly per la regia di Matteo Alfonso e Tommaso Benvenuti. In scena Pier Luigi Pasino, Fiorenza Pieri e Vito Saccinto.

Continua il percorso di ricerca dei Nim sui testi dell’autore contemporaneo Dennis Kelly. Dopo After the End è la volta di Orphans. Helen e Danny, una giovane coppia londinese, sta per iniziare una cena a lume di candela ma… irrompe in casa Liam, fratello minore di Helen, coperto di sangue ed in stato di shock. Nel tornare a casa, Liam si è imbattuto in un ragazzino asiatico sanguinante per delle brutali ferite da coltello, lo ha abbracciato sporcandosi di sangue e, non sapendo in che altro modo aiutarlo è andato a casa della sorella. In quattro atti si assiste al disgregamento di un nucleo familiare, ad un lutto disarmante che si disvela abbattendo con un soffio le fondamenta marce del piccolo mondo che tendiamo a costruirci intorno. NIM – Neuroni in movimento fa parte di “Matilde. Piattaforma regionale per la nuova scena marchigiana”. Un progetto di Regione Marche/Assessorato alla Cultura e AMAT.

Il secondo appuntamento è per venerdì 17 dicembre (replica sabato 18 dicembre) con i padroni di casa, la Compagnia Vicolo Corto/Hangar CultLab, che presentano la loro ultima produzione “Box Life” per la regia di Stefano Tosoni con Loretta Antonella, Tommaso Benvenuti, Francesco Giarlo e Rebecca Murgi.

Una scatola è un contenitore chiuso, di diverse forme e dimensioni, destinato a contenere i più svariati oggetti e prodotti. Contenere significa tenere insieme, racchiudere, accogliere, ma anche reprimere, trattenere, frenare, immobilizzare. Il nostro vivere quotidiano altro non è che una migrazione continua tra scatole e contenitori e in questa sorta di moderna odissea, fisica e morale, ciascuno di noi vive e sopravvive a una realtà che tende a confezionare tutto, a confezionarsi lei stessa e, soprattutto, a conferzionarci.

 

Venerdì 29 e sabato 30 ottobre 2010
NIM – NEURONI IN MOVIMENTO

Orphans di Dennis Kelly
regia Matteo Alfonso e Tommaso Benvenuti con Pier Luigi Pasino, Fiorenza Pieri, Vito Saccinto
in collaborazione con Amat nell’ambito del progetto

HabitaTeatro residenze teatrali nella Provincia di Ancona un progetto di Provincia di Ancona – Assessorato alla Cultura e AMAT, in collaborazione con Comune di Corinaldo, in collaborazione con il Teatro della Tosse.

NIM – Neuroni in movimento fa parte di “Matilde. Piattaforma regionale per la nuova scena marchigiana”. Un progetto di Regione Marche – Assessorato alla Cultura e AMAT

Orphans è stato scritto nel 2009 e, ad oggi, è stato rappresentato soltanto in Inghilterra e a Berlino. Ha ricevuto diversi premi, in particolare al Fringe Festival di Edimburgo. In quattro atti assistiamo allo sgretolamento di un nucleo familiare. Il testo inizia con uno schiaffo allo spettatore, che viene immediatamente catapultato nel pieno dell’azione. Helen e Danny, una giovane coppia londinese, stanno per iniziare una cena a lume di candela ma… irrompe in casa Liam, fratello minore di Helen, coperto di sangue ed in stato di shock. C’è stato una specie di incidente, o meglio, nel tornare a casa Liam si è imbattuto in un ragazzino asiatico sanguinante per delle brutali ferite da coltello, lo ha abbracciato sporcandosi di sangue e, non sapendo in che altro modo aiutarlo, è andato a casa della sorella.

Nel corso di quattro scene in cui la tensione continua a crescere fino al parossismo, assistiamo al confronto tra queste tre creature alla ricerca di una soluzione. La versione di Liam continua a cambiare, finché la verità, una terribile, violentissima verità, non verrà a galla.

La compagnia teatrale Nim “neuroni in movimento” è composta da Matteo Cremon, Barbara Moselli, Pier Luigi Pasino, Fiorenza Pieri, Vito Saccinto e Marco Taddei, tutti attori formatisi alla scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova, teatro con il quale lavorano e collaborano tutt’oggi.

La compagnia propone un teatro d’attore e cerca di essere specchio della realtà che viviamo. Questo comporta una scelta drammaturgica, attoriale e stilistica che sostenga l’obiettivo. Dopo quattro anni di lavoro insieme hanno sviluppato un gusto personale sul teatro e sul tipo di messa in scena che ha lo scopo di raccontare una storia nel modo più semplice ed onesto possibile nei confronti del testo, dell’autore e della umanità dei personaggi da interpretare.

Si ripropone, quindi, l’attore come punto fondamentale di una messa in scena credendo nel suo ruolo sociale. L’attore è testimone dell’essere umano e del periodo storico in cui vive.

Una produzione artistica estesa anche alla scrittura per cogliere l’opportunità di essere anche autori di sé stessi (”Iris” di Marco Taddei e “I corti” di Pier Luigi Pasino).

 

Venerdì 17 e sabato 18 dicembre 2010
Compagnia Vicolo Corto/hangar cultlab
Box Life di Stefano Tosoni
regia Stefano Tosoni con Loretta Antonella, Tommaso Benvenuti, Francesco Giarlo, Rebecca Murgi

Una scatola è un contenitore chiuso, di diverse forme e dimensioni, destinato a contenere i più svariati oggetti e prodotti. Contenere significa tenere insieme, racchiudere, accogliere, ma anche reprimere, trattenere, frenare, immobilizzare. Il nostro vivere quotidiano altro non è che una migrazione continua tra scatole e contenitori e in questa sorta di moderna odissea, fisica e morale, ciascuno di noi vive e sopravvive a una realtà che tende a confezionare tutto, a confezionarsi lei stessa e, soprattutto, a confezionarci.

La Compagnia Vicolo Corto nasce all’insegna della commistione dei linguaggi teatrali: sin dal 1999 Loretta Antonella, Massimo Barbini, Laura Graziosi, Stefano Tosoni e Francesco Giarlo calcano la scena con produzioni originali, equilibrando professionalità e freschezza, novità e tradizione.

Il Teatro del Canguro getta le basi del loro modus operandi, mentre è con le maschere che la Compagnia approfondisce la propria poetica: ne Il Corvo del 2002 e Dramlot – ipotesi tragica per maschera comica del 2003, entrambi per la regia di Michele Modesto Casarin, trapela lo scheletro dei topoi classici della Commedia dell’Arte, rivisitati in modo eclettico e contemporaneo.

Dalla collaborazione registica con Claudio Collovà, sulla scia di teatro fisico e di sperimentazione, nasce Donne in tempo di guerra, liberamente ispirato a Le Troiane di Euripide. Spettacolo dal registro decisamente comico è, invece, In due, liberamente tratto da Xanax di Angelo Longoni, con regia di Laura De Carlo.

Produzioni, che oltre a toccare numerose piazze marchigiane, hanno partecipato a festival e rassegne nazionali e internazionali: T.A.U. (Teatri Antichi Riuniti), Inteatro Festival internazionale di Polverigi, KulturFestival (Varese), Festival di Teatro Antico e Contemporaneo di Ascea (Salerno), Limprovvisa – Festival Internazionale di Commedia dell’Arte (Cotignola, RA), Festival Viva (all’interno delle manifestazioni del Carnevale di Venezia), Kals’Art (Palermo), Unidram – Festival for New Theatre in Europe (Berlino).

Progetto di forte cifra stilistica e di studio delle tradizioni, si presenta invece lo spettacolo I due gemelli veneziani di Michele Modesto Casarin (debutto 8 dicembre 2007). La produzione vede la sinergia con il Teatro Stabile delle Marche e l’ Associazione Marchigiana Attività Teatrali nell’ambito del progetto regionale Palcoscenico Marche, percorso Futura Memoria.

Oltre alle produzioni della Compagnia, gli attori hanno intrapreso percorsi singoli attraverso interessanti esperienze professionali: la tournèe dello spettacolo Sei personaggi in cerca d’autore con la regia di Carlo Cecchi, la tournée del Corvo con la Compagnia Pantakin da Venezia (spettacolo vincitore del premio Leoncino d’Oro all’interno della Biennale Teatro di Venezia), la presenza all’Italian Festival di Seul, la partecipazione al programma televisivo Zelig.

A otto anni dalla sua fondazione la Compagnia continua a spingersi con passione verso nuove vie, nella convinzione che non esista una tipologia di spettacolo migliore di un’altra, ma che il teatro vada vissuto in tutti i suoi aspetti a 360° gradi.

 

Venerdì 14 e sabato 15 gennaio 2011
Synergie Teatrali-Officine Concordia

Blackout dal romanzo di Francesco Tranquilli
regia Stefano Artissunch con Stefano Artissunch, Pier Giorgio Cinì, Laura Graziosi, Stefano Tosoni in collaborazione con AMAT

Tratto dall’omonimo romanzo di Francesco Tranquilli (vincitore del Premio Giallo Carte 2009 e del Premio Tiro Rapido 2009), Black Out mira a restituire le suggestioni del noir in un gioco di luci in chiaro scuro che ricreano il dinamismo e la suspense tipica del giallo-thriller.

Tutto ruota attorno ad un omicidio avvenuto in un istituto superiore cittadino. Il professor Paolo Parigi trova il corpo esanime della preside, Magda Gambacorta che è stata assassinata. Ma invece di lasciare tutto com’è, Parigi, entrando nell’ufficio, sconvolge la scena del crimine. Il maresciallo Principe, che investiga sul delitto con la sua squadra, non la prende affatto bene. L’appuntato Curto, ex-allievo del professore, vorrebbe difenderlo ma non ha molti argomenti. Chi aveva l’opportunità di commettere il delitto? E chi poteva avere un motivo per commetterlo? Molti i personaggi implicati nella ricerca del colpevole. Per nessuno di loro, coinvolti o sconvolti, colpevoli o innocenti, da quel momento in avanti, la vita sarà più com’era prima.

Nel 2005, dall’estro creativo di Stefano Artissunch e Danila Celani, nasce Synergie Teatrali, compagnia di prosa professionale, che alla ricerca di nuovi linguaggi abbina subito sperimentazione e classicità, a partire da una drammaturgia scenica che esalta la materia umana fino alla sublimazione di un’emotività corporea. La compagnia, fondata ad Ascoli Piceno e composta, fin dal primo momento, da attori professionisti attivi da anni sulla scena nazionale si connota immediatamente per originalità espressiva, sfruttando nei suoi lavori varie tecniche come il teatro d’immagine, quello di strada e quello di parola. Negli spettacoli si armonizzano più linguaggi: il corpo, la parola, il canto, la danza, la musica, fino alla  composizione di scenografie luminose e coreografie con macchine sceniche spettacolari e di sicuro impatto visivo. Fra gli ultimi spettacoli prodotti insieme con il Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno ed in collaborazione con Amat, Pene d’Amor Perdute con Marina Suma, Archeo Cabaret con Debora Caprioglio ed Il Sogno di Lisistrata con Iaia Forte. Tutti gli spettacoli, distribuiti con successo su tutto il territorio nazionale, vedono alla regia Stefano Artissunch. In particolare lo spettacolo Il Sogno di Lisistrata con Iaia Forte verrà rappresentato a Roma al Teatro Piccolo Eliseo i prossimi 30 e 31 Maggio 2011 in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

Da martedì 25 a domenica 30 gennaio 2011


Teatro Stabile delle Marche –
progetto Contemporanea
Maratona di New York di Edoardo Erba
interpretato e diretto da Cristian Giammarini e Giorgio Lupano in collaborazione con progetto Officina Concordia, Comune di San Benedetto del Tronto e Amat

Mario e Steve, immersi nell’atmosfera rarefatta ma molto fisica della corsa, sostenuti dalla leggerezza e dalla vivacità dei dialoghi, dipanano le loro esistenze scanditi da un tempo che pare non obbedire più alle regole consuete. Il mondo notturno e deserto, lo spazio senza più riferimenti nel quale i due uomini si muovono, il rapporto con una realtà fatta di oggetti che sembrano non essere mai esistiti, tutto asseconda il tentativo dei due protagonisti di affidarsi ai ricordi e alla memoria come ultima risorsa per rivendicare la propria esistenza. Cristian Giammarini, apprezzato interprete di scuola ronconiana a lungo nella compagnia del Teatro dell’Elfo e Giorgio Lupano artista che si muove con disinvoltura tra teatro, televisione e cinema, sono i protagonisti di questo progetto. Il testo Maratona di New York di Edoardo Erba è fra i più tradotti e rappresentati al mondo, vinse nel ‘92 il Premio Candoni, con cui Giammarini e Lupano si confrontano nella doppia veste di attori e registi.

Cristian Giammarini nasce a San Benedetto del Tronto; dopo aver conseguito la maturità classica prosegue gli studi presso la Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università La Sapienza di Roma, laureandosi in Storia del teatro. Decide poi di perseguire la carriera attoriale diplomandosi presso la Scuola di teatro del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi. A teatro lo vediamo protagonista in molti dei lavori di Elio dei Capitani come Caligola, Amleto, Sogno di una notte di mezze estate e dello stesso Luca Ronconi come Atti di guerra e Itaca.

Giammarini non disdegna comunque la televisione, prende parte ad alcune fiction come “Distretto di polizia 7”. Ha curato, inoltre, la stesura di due volumi pubblicati dalla casa editrice Ubulibri: “Il Gabbiano secondo Nekrosius” (2002) e “Luca Ronconi – Progetto Domani” (2007).

Giorgio Lupano nasce artisticamente come attore di teatro, ha poi lavorato sia per il cinema che per la televisione. Uno dei suoi primi ruoli importanti è nel 2000, quando è tra i protagonisti del film “Il manoscritto del principe”, diretto da Roberto Andò. Nel 2004 è nuovamente sul grande schermo con i film “E ridendo l’uccise” e “Sotto falso nome”, entrambi diretti da Florestano Vancini.

In televisione lo ricordiamo nel film tv “Regina dei fiori” (2005), in “R.I.S. 4 – Delitti imperfetti” su Canale 5 (2007) e nella miniserie tv “La stella della porta accanto”, andata in onda nel settembre 2008 su Rai Uno.

 

Venerdì 4 e sabato 5 febbraio 2011
Vasco Mirandola & Enrica Salvatori

E se Fosse Lieve di Vasco Mirandola
regia Vasco Mirandola

Vasco Mirandola ed Enrica Salvatori sono partiti da una domanda: “e se la poesia si facesse piccola e lieve, tanto da stare in una mano tanto da essere offerta allo sguardo?”. Hanno scelto le poesie per colore, odore, amore, sudore, dolore, tenendole accanto per sentirle battere e respirare.

E se Fosse Lieve si interroga su cosa è la poesia, di come si attacca alle cose, di come diventa aria, sangue e terra. Si ride, ci si commuove, ci si meraviglia, si intuiscono storie di altri uomini così simili a tutti noi da farsi innamorare. La danza ci sogna intorno, traduce, cammina le parole. I disegni e le sculture di Carlo Schiavon fanno di tutto per non dare troppo fastidio e chiedono in cambio solo di non essere dimenticate. La musica c’è, ma non si vede.

Vasco Mirandola

Prende parte a numerosi produzione cinematografiche tra cui ricordiamo Mediterraneo (premio Oscar 92 come miglior film straniero), Come Dio Comanda di Gabriele Salvatores e a varie trasmissioni televisive.

Ha pubblicato i libri di poesie Non urlare, che mi rovini prezzemolo e Il solito tram tram. Ha collaborato con la Compagnia di danza contemporanea Sosta Palmizi, negli spettacoli Piume (premio Danza e Danza ’98), Gli Scordati, Robe da Paz, Il mito del volo.

Crea la compagnia MUK con un gruppo di attori sordi di cui ha curato tre produzioni A me frega Niente, Prove di volo, Oltre; ha lavorato nell’ambito del disagio tenendo laboratori in Italia e all’estero.

Le sue ultime produzioni sono Avrei tanto bisogno di dire su testi di Pino Roveredo (2007) Questa non è un’epoca che favorisce le arti (2008) sui testi del drammaturgo americano D. Mamet, Il giorno della stella nova, dialogo Galileiano per la regia di Roberto Citran( 2009), per ultimo E se fosse lieve (2010)

Da alcuni anni fa percorsi di letture di romanzi e poesie nelle case e in ambientazioni particolari.

Enrica Salvatori

Dopo un lungo periodo di formazione in danza classica, nel 1980 inizia lo studio della danza contemporanea e successivamente partecipa a tutte le produzioni del Gruppo Charà diretto da Maria Vittoria Campiglio. Studia con M. Hallet, T. Kressel, F. e D. Dupuy, J. Andrews, H. Diasnas. Nel 1989 è ospite della Folkwang Hochschule di Essen dove studia con Hans Züllig, Jean Cebron, Malou Airaudo, Dominique Mercy, Lutz Forster, Christine Kono, Agnes Pallai. Nel ‘91 entra a far parte della compagnia Folkwang Tanz Studio di Essen diretta da Pina Bausch e partecipa a tutte le produzioni con diverse tournée in tutta Europa. Danza con i coreografi Caroline Carlson, Suzanne Linke, Mark Sieczkarek, Raffaella Giordano, Urs Dietrich, Rainer Behr. Nel ‘92 è in “Iphigenia in Tauris” con il Tanztheater di Wuppertal diretto da Pina Bausch e in “Frauen Ballet” con la coreografia di Suzanne Linke. Nel ’93 e ’94 danza in “Le Sacre du printemps” di Pina Bausch con il Tanztheater Wuppertal e prende parte a tutte le repliche.

 

Sabato 12 febbraio 2011
Arti e Spettacolo/Rovine Circolari
Minchia di Re dall’omonimo romanzo di Giacomo Pilati
di e con Isabella Carloni
Minchia di Re, la cui regia e drammaturgia è di Isabella Carloni, mette in scena un amore diverso che sogna la libertà di esprimersi in una Sicilia di fine Ottocento, in piena epoca garibaldina. Per poter vivere la sua passione tormentata la protagonista, Pina, sarà costretta a travestirsi da uomo per tutta la vita e a barattare il suo amore impossibile, soffocato dalla mentalità dell’epoca, con una menzogna che rischierà di perderla. Ma la sua ribellione silenziosa segnerà anche uno scarto rispetto alle regole del potere, da cui nascerà un altro sguardo sulle cose e sul mondo, che lascerà un profondo segno nelle vite di tutti. La storia, che si ispira ad una vicenda realmente accaduta, prende il nome dalla donzella di mare, detta anche viola di mare, il cui nome nell’antico siciliano è appunto minchia di re, un pesce ermafrodita che nasce femmina, deposita le uova, e diventa maschio.

Dal libro di Giacomo Pilati è stato tratto anche il film “Viola di mare”, diretto da Donatella Maiorca, premiato al New Italian Film Festival 2009 per la miglior pellicola e per la miglior attrice, Valeria Solarino, che del film è una delle due protagoniste.

Attrice e cantante, laureata in Filosofia e diplomata alla Scuola di Teatro di Bologna, Isabella Carloni si è formata tra Italia e Francia sviluppando un originale percorso artistico che porta dentro il teatro la centralità del corpo e della voce. E’ co-fondatrice del New Voice Studio Italia, il centro internazionale di alta specializzazione della voce. Ha lavorato con molti protagonisti della scena contemporanea sia in Italia che all’estero (fra gli altri Carlo Cecchi, Marco Baliani, Toni Servillo, Andrea Adriatico, Elio De Capitani, Giovanna Marini, Giancarlo Sepe e Franco Branciaroli). Collabora con il Teatro Stabile delle Marche, anche come formatrice presso la Scuola di teatro di Ancona. Lavora per la RAI in fiction (La Squadra, Nebbie e delitti, Fine secolo) e radiodrammi (Radiobellablu). E’ autrice di testi e canzoni e interprete di sue creazioni, tra cui “Inventario delle cose certe” dedicato a Joyce Lussu, con le musiche originali dei Sentieri Selvaggi di Milano e la regia di Marco Baliani e “Via dei dollari” il concerto ispirato al testo di Annie Proulx (Crimini della fisarmonica) con la Band Contradamerla.

 

Mercoledì 16 marzo 2011
DANIELE ALBANESE_COMPAGNIA STALK

Something about Today (The Vicious Circle) di Daniele Albanese
L’ubriachezza, presenza disorientata e non certa, è il punto di partenza dello spettacolo e, al tempo stesso, pretesto per fotografare l’oggi con la lente di ingrandimento dell’attrazione e della solitudine. I personaggi si muovono in cerchi non uscendo dal circolo vizioso fatto di avvicinamento, desiderio e disillusione.

I tre danzatori non si toccano quasi mai, si avvicinano e si perdono per pochi millimetri. Tre modi e tre corpi per la stessa presenza.

Il circolo vizioso entro cui si muovono è anche un campo magnetico di attrazione e repulsione, senza poter arrivare alla meta ma sempre in diretta dipendenza uno dall’altro. La danza è definita, non solo come danza sulla scena ma tra la scena e il pubblico, come comunicazione fluttuante tra spettatore e performer, ed è una danza non solo di corpi ma tra i vari elementi scenici (suoni, luci…), divenendo strumento di riflessione sulla Fine.

Strutturato in brevi scene attraverso un’ idea di combinazione e ripetizione, con azioni più teatrali e surreali ed altre di pura dinamica di movimento.

Daniele Albanese nasce a Parma nel 1974. Studia come ginnasta e ballerino classico. Nel 1997 si diploma presso EDDC – Arnhem (Olanda). Studia tra gli altri con Steve Paxton, Eva Karkzag, Lisa Kraus, Benoit Lachambre, etc

Crea i suoi primi spettacoli dal 1995 e danza per Peter Pleyer, Tony Thatcher, Company Blu, Martin Butler, Mawson-Raffalt + Falulder – Mawson, Jennifer Lacey, Ariella Vidah, Virgilio Sieni, Nigel Charnock, Karine Ponties.

Ha presentato i suoi lavori in diversi teatri e festival in Italia e all’estero: PS122 (New York), Festival Sesc (S.Paulo), Fabbrica Europa (Firenze), Piccolo Teatro (Milano), Masdanza (Gran Canaria), Teatro Comunale di Ferrara, Interplay (Torino), Danae (Milano), Festival Grec (Barcellona).

Nel 2002 fonda la compagnia di danza Stalk, i cui spettacoli hanno una struttura compositiva strettamente interconnessa con la ricerca sul corpo e il movimento allo scopo di indagare la danza come linguaggio. I suoi lavori più recenti sono àrebours100, Tiqqun, Pietro, Only you, Andless.

 

Venerdì 25 e sabato 26 marzo 2011
Centro Danza Ancona
Concerti di Rebecca Murgi - coreografie Rebecca Murgi
in collaborazione con l’Istituto Musicale G. B. Pergolesi di Ancona
[Il progetto selezionerà sia danzatori che musicisti, cast in via di definizione]

Concerti nasce dalla fusione tra la danza e la musica contemporanea rappresentata dal vivo sviluppando il dialogo tra due linguaggi così simili ma complessi da fondere. Le coreografie sono frammentate a seconda dei brani eseguiti dai musicisti e conducono il pubblico in diversi quadri sonori dove il corpo sviscera le possibilità della composizione musicale in maniera più astratta che teatrale emozionando perché toccano i “ritmi dell’anima”.

Rebecca Murgi, danzatrice e coreografa in molte produzioni sia Italiane che Europee, si forma in accademie tra le quali la “London Contemporary School” e il “College of arts” Arnhem – EDDC (European Dance Development Centre). Insegna in molte accademie di danza in Europa, tra le quali: SEAD a Salisburgo (Austria), Agon Groop dance academy di Ljublijana (Slovenia) e Xida Group a Linz (Austria).Vincitrice del Premio Nuove Sensibilità 2007 con lo spettacolo “Io Sono Internazionale”, insegna attualmente danza presso la Scuola del Teatro Stabile delle Marche.

 

Venerdì 8 aprile 2011
NUOVA DANZA ITALIANA - Anticorpi Explo
[lo spettacolo contiene scene di nudo integrale]

Una nuova generazione di artisti rende particolarmente vivace lo scenario della danza contemporanea italiana: la serata presenta quattro tra le più originali performance emerse dalla Vetrina della giovane danza d’autore promossa dal network Anticorpi XL. Il colore viola ma anche il verbo viola: Marco D’Agostin danza tra la vitalità del rosso e l’intimità del blu. Nec nec è una performance intima in cui una donna – cavallo Marta Bevilacqua ci accompagna in una danza personale e coinvolgente. Leoni è un ironico brano sull’allenamento del coraggio, in scena Matteo Fantoni. Una versione in assolo de Il lago dei cigni per Bloody body blah di Giulio D’Anna, una tragedia per parlare d’amore.

Anticorpi Explo nasce dall’esperienza di Anticorpi XL, un network che coinvolge operatori di più regioni (Teatro Pubblico Pugliese per la Puglia, AMAT per le Marche, Mosaico Danza – Interplay per il Piemonte, Operaestate Festival Veneto e Arteven Circuito Teatrale Regionale per il Veneto e Anticorpi-Rete di Rassegne, Festival e Residenze Creative per l’Emilia Romagna, Circuito Danza del Friuli Venezia Giulia a. Artisti Associati, Fondazione Teatro di Pisa per la Toscana, Scenari Visibili per la Calabria, Progetto Punta Corsara per la Campania, Artedanzae20 per la Lombardia, ARTU per la Liguria e Indisciplinarte per l’Umbria) per il coordinamento e la promozione di giovani gruppi di danza d’autore.

Anticorpi XL si propone di analizzare le creazioni di gruppi di giovane formazione operanti nelle rispettive regioni di riferimento, di agevolare la loro mobilità grazie alla condivisione delle esperienze e allo scambio di professionalità da parte dei soggetti coinvolti e di mantenere sempre aggiornate le occasioni e le modalità di diffusione e osservazione della giovane danza d’autore.

 

Mercoledì 27 aprile 2011
Emilia Romagna Teatro Fondazione
I Tre Studi per una Crocifissione di Danio Manfredini
I tre studi per una crocifissione prendono il titolo da un opera pittorica di Francis Bacon: tre dipinti accostati uno all’altro, dove sono raffigurate tre figure che evocano la condizione drammatica di soggetti appartenenti al mondo contemporaneo.

“Lontano dal voler riprodurre in maniera pittorica l’opera di Bacon, mi sono proposto di inventare tre soggetti teatrali che ritraggono la condizione drammatica di tre personaggi del mio tempo.”

Nel primo studio si tratta di un personaggio che vive in un contesto psichiatrico. Vaga tra poche sedie vuote, abitate dai fantasmi della sua memoria.

Il secondo studio è ispirato ad un personaggio del cineasta tedesco Fassbinder. Il transessuale Elvira, colto nel bilancio della sua vita prima del gesto tragico che la conclude.

Il terzo studio, ispirato ad un personaggio del drammaturgo francese Koltès, ritrae un extracomunitario alle prese con una grande città europea: strade, parchi, barboni, polizia. Dentro, il desiderio di colmare la solitudine con un incontro e condividere una notte di pioggia.

I personaggi mostrano nell’evidenza del loro dolore, nell’impossibilità di nasconderne i segni, nella loro disperata euforia, le ferite nascoste dell’esistenza.

Il percorso di formazione di autore-attore di Danio Manfredini risale agli anni ’70; la sua strada è caratterizzata dal rigore nella ricerca teatrale condotta, fuori da ogni percorso codificato, apparentemente anarchico, ma basato su una ferrea disciplina etica ed espressiva. Punto di riferimento importante per il teatro di Danio Manfredini è la pittura, intesa nel senso più intimo e profondo di visioni interne che caratterizzano fortemente l’incontro tra il pubblico e l’attore, così come la sensazione, che offre possibilità d’azione, di presenza nello spazio. Tra le sue opere teatrali si ricordano La crociata dei bambini dal poema di Bertolt Brecht (1984), Notturno (1985), Miracolo della rosa (1988) con il quale vince il Premio Ubu ’89, il recital per sax e voce Misty (1989), La vergogna (1990), Tre studi per una crocifissione (1992). Nel ’97 presenta al Festival di Santarcangelo la prima parte del nuovo lavoro Al presente, che dal 1998 porterà in forma definitiva nei maggiori festival di tutta Italia. Un anno dopo vince il Premio Ubu ’99.

Nel 2000 riprende, rivisto e corretto, lo spettacolo La vergogna a cui cambia anche il titolo in Hic desinit cantus, opera ispirata a Pier Paolo Pasolini e Jean Genet. L’8 luglio 2003 debutta al Festival Santarcangelo dei Teatri con Cinema Cielo. Danio Manfredini ha partecipato ai seguenti spettacoli: Il muro, regia di Pippo Delbono (1991); Parsifal, regia di Cesare Ronconi, Teatro Valdoca (1999); Il silenzio, regia di Pippo Delbono (2000). Nella stagione 2006/2007 ha presentato una riedizione di Tre Sudi per una Crocefissione, mentre il 14 luglio 2007 ha debuttato Il sacro segno dei mostri, con cui Danio Manfredini ci conduce al cuore del suo universo, nell’atelier di pittura condotto per anni in un ricovero per malati psichiatrici. I suoi appunti presi durante i dodici anni di lavoro nei quali Manfredini ha condiviso la quotidianità di queste persone, sono diventati materiale per una toccante e sincera testimonianza. Ne è nato uno spettacolo di grande poesia, uno sguardo sull’umanità non privo di tenerezza e umorismo.

 

Gli spettacoli si svolgeranno al Teatro Studio alla Mole Vanvitelliana e avranno inizio alle ore 21.30. Costo del biglietto 10,00 €.

 

informazioni tratte da: www.laprimaweb.it

STRUTTURE CONSIGLIATE

Country House La Tana dell'istrice Casa colonica a pochi passi dalla Riviera del Conero, immersa nella campagna, circondata da alberi e vegetazione varia, su una collina alla estrema pariferia della città di Ancona, "la tana dell'istrice" è un country house appena ristrutturato, con un'ampia sup...
B&B Casa Angelica è situata 2 km dall'uscita del casello autostradale A14 Ancona sud. A solo 10 minuti dalla riviera del Conero e dal centro della città, 15 minuti dalla Santa Casa di Loreto....
L’azienda, di proprietà della famiglia Moroder dalla fine del ‘700, con l’impegno e la vivacità imprenditoriale di Alessandro e Serenella ha preso un deciso orientamento verso prodotti di alto livello qualitativo. Nel cuore del Parco Naturale del Monte Conero, al centro della zona a denomina...
L'Osteria Teatro Strabacco nasce nel maggio 1978 per volontà di Danilo Tornifoglia, un pò per gioco e molto per incoscienza. La voglia di aggregazione di quel periodo la consacra subito a punto di riferimento per tanta gente. Con il tempo questo locale, che rappresenta la prima Osteria moderna ...
GRAND HOTEL PASSETTO Situato a due passi dal centro storico e affacciato sul mare, il Grand Hotel Passetto é una moderna e raffinata struttura ricettiva di prima categoria con oltre 40 camere, ed offre ai suoi ospiti la cordialità e l'efficienza di 40 anni di esperienza. GRAND HOTEL PASSETTO...
SPORTINGNessuna
...
EMILIANessuna
...
...
...
PAVONINessuna
...
GINONessuna
...
ITALIANessuna
...
DORICONessuna
...
EURONessuna
...
LINANessuna
...
CITY ANCONANessuna
...
...
MILANONessuna
...
VIALENessuna
...
DELLA ROSANessuna
...
FORTUNANessuna
...
...
La GiuggiolaNessuna
...
La QuerciaNessuna
...
L'UpupaNessuna
...
Rosso ConeroNessuna
...
...
AccipicchiaNessuna
...

PUNTI DI INTERESSE CONSIGLIATI

Nessun punto di interesse associato a questo comune

Create your own banner at mybannermaker.com!

 

le ultime strutture inserite

Hotel Mirò
L’HOTEL MIRO' si trova nel punto più panoramico di Apiro e gode di una splendida veduta verso il ...
Albergo Centrale San Ginesio
Grazie all’integrale ristrutturazione realizzata di recente, l’Albergo Centrale rappresenta, ogg...
Hotel Solarium
Avvantaggiato da una posizione particolarmente comoda, Hotel Solarium è ubicato in prima fila mare ...
Agriturismo e Country House I MORI
Agriturismo autentico e suggestivo che offre soggiorno, prima colazione e cena, riservata solo agli ...
b&b Piazza del Popolo
“Il B&B Piazza del Popolo, nel centro storico di Ascoli Piceno a pochi passi dall'omonima piazza e...
Casa Angelica
B&B Casa Angelica è situata 2 km dall'uscita del casello autostradale A14 Ancona sud. A solo 10 mi...
Aussiehome
Ascoli Piceno è la città delle 100 torri, piena di storia, arte e cultura. Come si può resistere...
Agruturismo Residence Sinfonie del Bosco
L'Agriturismo Residence Sinfonie del Bosco, origina dalla ristrutturazione di una casa colonica di f...
ANTICA DIMORA Country House
ANTICA DIMORA Country House - Soggiornare ad Antica Dimora significa immergersi nel verde e nel si...
Azienda agricola Michele
Azienda Agricola Biologica Loc. Collina snc 63048 Montemonaco ( AP ) Prodotti:Pane del Contadino lie...

Le Strutture più viste

Appartamento Paradiso Azzurro - Porto Recanati
Appartamento Trilocale al Paradiso Azzurro di Porto Recanati, direttamente sul Mare, Centrale, Supe...
Agruturismo Residence Sinfonie del Bosco
L'Agriturismo Residence Sinfonie del Bosco, origina dalla ristrutturazione di una casa colonica di f...
BELLUCCINessuna
...
Hotel Mirò
L’HOTEL MIRO' si trova nel punto più panoramico di Apiro e gode di una splendida veduta verso il ...
b&b Piazza del Popolo
“Il B&B Piazza del Popolo, nel centro storico di Ascoli Piceno a pochi passi dall'omonima piazza e...

logofooter

MarcheInTour | Via Canova, 5 63030 Monsampolo del Tr. (AP)  Tel 0735 705916 Fax 0735 760115 | info@marcheintour.com

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.066 secondi
Powered by Simplit CMS