Scheda comune

Urbisaglia

Urbs Salvia, città della Regio V (Picenum), venne verosimilmente fondata nella prima metà del I secolo a.C., in un sito dove, almeno sinora, non si sono trovate tracce di insediamenti precedenti al periodo romano, sebbene tutto il territorio circostante sia ricco di presenze picene; come si verifica spesso in ambiente romano, la sua nascita va messa in relazione con la particolare posizione topografica del luogo, costituita dall'incrocio di due importanti strade, quella che univa Firmum (Fermo) a Septempeda (San Severino Marche) e quella che conduceva da Asculum (Ascoli) attraverso Ricina (Villa Potenza) ad Auximum (Osimo).

Municipio in epoca repubblicana ed in seguito, probabilmente sotto Augusto, colonia; era iscritta nella tribù Velina; due grandi iscrizioni rinvenute durante lo scavo dell'Anfiteatro, presso i muri esterni, confermano lo statuto coloniale.

Il periodo del suo massimo fulgore si situa alla prima metà del I sec. a.C., quando importanti discendenti di famiglie originarie del territorio di Urbs Salvia che avevano raggiunto ragguardevoli magistrature in Roma, contribuirono con consistenti doni allo sviluppo monumentale della città.

Dopo la distruzione ad opera dei barbari nel V sec. d.C., venne abbandonata e l'abitato si spostò, per ovvi motivi di difesa, sulla sommità della collina, nel luogo occupato dall'attuale Urbisaglia. Questa mancata sovrapposizione dell'insediamento più recente a quello romano, l'utilizzazione non sistematica della città antica come cava di pietra veniente, uno sfruttamento agricolo tardivo della zona hanno fatto sì che Urbs Salvia giungesse al tempo attuale come il complesso archeologico più importante delle Marche, in un paesaggio ancor oggi non molto dissimile da quello antico.

Urbisaglia fu fondata dai superstiti della città romana distrutta, che si insediarono sulle alture circostanti dando origine al Castro di Orbesallia.

Nel XII secolo fu dominata dagli Abbracciamonte. Gualtiero Abbracciamonte nel 1195 cedette Villamagna a Matteo e Forte Offone. Questo atto fu la causa di tutti i mali futuri. Nel 1199 Matteo e Forte Offone cedettero Villamagna a Tolentino. Gualtiero, nel 1213 cedette a Tolentino anche la sua parte di diritti sul castello di Urbisaglia.

La malattia delle cessioni a Tolentino fu ereditaria. Come Gualtiero, anche suo figlio Rosso nel 1251 e il figlio di lui Rosso nel 1290, e poi Gualtiero nel 1293, e ancora Silimbene di Marino nel 1296 cedettero a varie riprese i diritti sul castello.
L'opera di asservimento fu compiuta da Fildesmido.

 

La grande Urbisaglia, sotto il dominio tolentinate si ridusse in pessime condizioni. Testimone di questo decadimento fu Dante, che così si esprimeva nel XVI canto del Paradiso:
Se tu riguardi Luni ed Urbisaglia
Come sono ite, e come se ne vanno
Di retro ad esse Chiusi e Sinigaglia,
Udir come le schiatte si disfanno
Non ti parrà nuova cosa né forte,
Poscia che le cittadi termine hanno.

 

Per quasi un secolo e mezzo gli urbisagliesi sopportarono la tirannia tolentinate, finché, intorno al 1436, andarono sotto la signoria più accettabile di Elena Tomacelli, nipote di Bonifacio IX, moglie di Taliano Furlano, capitano di ventura.

Terminata nelle Marche la signoria di Francesco Sforza, di cui Furlano era stato capitano, gli urbisagliesi, con breve del di Eugenio IV del 24 dicembre 1466, ritornarono sotto la dipendenza da Tolentino. Questa continuò (con alterne vicende) fino al 1569, quando il nobile maceratese Giulio Fedeli potè prendere possesso di Urbisaglia in nome della Camera Apostolica.

Nel 1696 arrivò finalmente la pace tra definitiva tra urbisagliesi e tolentinati.

 

DA VISITARE A URBISAGLIA
Il Teatro romano addossato alla collina dove sorge il borgo medioevale, mostra un fronte di 104 mt., nel quale sono leggibili tutte le caratteristiche dell'edificio con la scena e la cavea. Le monumentali parti in muratura testiminiano ancora il suo antico splendore. Fu costruito nel primo quarto del I secolo d.C. Dagli scavi effettuati al suo interno provengono numerose statue sparse in vari musei, tra le quali una copia del celebre Fauno in riposo di Prassitele, ora ai Musei Vaticani.


L'anfiteatro romano, oggi utilizzato per rappresentazioni di testi del teatro antico, è l'unico delle Marche per l'ottimo stato di conservazione. A pianta ellittica (mt. 96,60x76,40), occupa una superficie di quasi 5.000 mq. Venne costruito in età Flavia (75-76 d.C.) dal Patrono della Colonia di Urbs Salvia, Lucio Flavio Silva Nonio Basso, che lo inaugurò con un combattimento di 40 coppie di giadiatori.

L'area sacrale è costituita da due templi, di cui uno, dedicato alla Dea Salus, Augusta, è circondato da un Criptoportico affrescato con pitture appartenenti al III periodo pompeiano che ne occupano l'intera parete interna.

L'intera area archeologica è delimitata dai poderosi resti delle mura romane, alte in alcuni punti fino a cinque metri, ed interrotte da torri poligonali e porte di accesso alla città, tra le quali porta Gemina dotata di due accessi.

Nel centro storico, il Museo archeologico statale con importanti reperti della città romana di Urbs Salvia, la chiesa Collegiata di S. Lorenzo con il trittico del Folchetti (1492-1530).

Sulla strada nazionale 78, circondata dal bosco della villa Giustiniani Bandini in posizione molto suggestiva e di notevole interesse paesaggistico, è situata l'Abbadia di S. Maria di Chiaravalle di Fiastra. Costruita nel XII secolo, fu il principale convento benedettino e cistercense. Subì una distruzione ad opera di Braccio da Montone nel XV secolo. La chiesa è uno stupendo esempio di stile ed è affiancata da un meraviglioso chiostro.

Nel palazzo dei principi ha sede amministrativa la Riserva Naturale.

 

Informazioni tratte da: http://www.incastro.marche.it/incastro/urbisaglia/

 

STRUTTURE RICETTIVE CONSIGLIATE

La FontanaNessuna
...

prodotti di questo comune

Punti di interesse consigliati

Nessun punto di interesse associato a questo comune

eventi comune

Create your own banner at mybannermaker.com!

 

le ultime strutture inserite

Hotel Mirò
L’HOTEL MIRO' si trova nel punto più panoramico di Apiro e gode di una splendida veduta verso il ...
Albergo Centrale San Ginesio
Grazie all’integrale ristrutturazione realizzata di recente, l’Albergo Centrale rappresenta, ogg...
Hotel Solarium
Avvantaggiato da una posizione particolarmente comoda, Hotel Solarium è ubicato in prima fila mare ...
Agriturismo e Country House I MORI
Agriturismo autentico e suggestivo che offre soggiorno, prima colazione e cena, riservata solo agli ...
b&b Piazza del Popolo
“Il B&B Piazza del Popolo, nel centro storico di Ascoli Piceno a pochi passi dall'omonima piazza e...
Casa Angelica
B&B Casa Angelica è situata 2 km dall'uscita del casello autostradale A14 Ancona sud. A solo 10 mi...
Aussiehome
Ascoli Piceno è la città delle 100 torri, piena di storia, arte e cultura. Come si può resistere...
Agruturismo Residence Sinfonie del Bosco
L'Agriturismo Residence Sinfonie del Bosco, origina dalla ristrutturazione di una casa colonica di f...
ANTICA DIMORA Country House
ANTICA DIMORA Country House - Soggiornare ad Antica Dimora significa immergersi nel verde e nel si...
Azienda agricola Michele
Azienda Agricola Biologica Loc. Collina snc 63048 Montemonaco ( AP ) Prodotti:Pane del Contadino lie...

Le Strutture più viste

Appartamento Paradiso Azzurro - Porto Recanati
Appartamento Trilocale al Paradiso Azzurro di Porto Recanati, direttamente sul Mare, Centrale, Supe...
Agruturismo Residence Sinfonie del Bosco
L'Agriturismo Residence Sinfonie del Bosco, origina dalla ristrutturazione di una casa colonica di f...
BELLUCCINessuna
...
Hotel Mirò
L’HOTEL MIRO' si trova nel punto più panoramico di Apiro e gode di una splendida veduta verso il ...
b&b Piazza del Popolo
“Il B&B Piazza del Popolo, nel centro storico di Ascoli Piceno a pochi passi dall'omonima piazza e...

logofooter

MarcheInTour | Via Canova, 5 63030 Monsampolo del Tr. (AP)  Tel 0735 705916 Fax 0735 760115 | info@marcheintour.com

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.043 secondi
Powered by Simplit CMS